Ok Questo negozio utilizza i cookie e altre tecnologie in modo che possiamo migliorare la tua esperienza sui nostri siti.

COME SI CREANO LE IMMAGINI

“Questo sistema di infiniti cambi è una delle più straordinarie caratteristiche del caleidoscopio. Dato un certo numero di oggetti sfusi, è impossibile riprodurre una determinata figura, che abbiamo ammirato. Una volta persa, potrebbero passare dei secoli, prima che la stessa combinazione ritorni”

David Brewster (A Treatise on the Kaleidoscope, 1819)

Il funzionamento del caleidoscopio è basato sul principio delle riflessioni multiple, che fa sì che un oggetto posto tra due o più specchi inclinati sarà riflesso e moltiplicato simmetricamente. Le immagini riflesse di piccoli oggetti colorati e trasparenti si presentano all'occhio dell'osservatore sotto forma di disegni geometrici complessi e variopinti. Dal momento che questi oggetti si spostano e assumono una posizione diversa fra di loro, ad esempio in seguito alla rotazione del caleidoscopio, si genera un mutamento di forme e colori di tale disegno, che molto probabilmente non si ripeterà mai.  Al posto dei cristalli colorati possiamo anche osservare una sfera di Vetro di Murano, dei dischi di vetro colorato o altri oggetti (come spieghiamo nella pagina Il Caleidoscopio/ Le Varianti).

Un sistema di tre specchi produce un’immagine ampia, le cui moltiplicazioni geometriche sembrano propagarsi all’infinito. Solitamente gli specchi sono disposti in modo da formare un triangolo equilatero, ma sono possibili anche altre configurazioni. I caleidoscopi presenti su questo sito sono, salvo diversa indicazione, realizzati con un sistema di tre specchi.


Un sistema formato da due specchi produce  un’immagine circolare, simile a un rosone. Il numero di spicchi, che compongono il disegno, aumenta o diminuisce con il grado d’inclinazione tra gli specchi.

Nella costruzione di un Caleidoscopio Aleph ® possiamo oggi, grazie alle tecnologie moderne, impiegare specchi ottici altamente riflettenti, che sarebbero stati la gioia del suo inventore Sir David Brewster nel lontano 1814. Impieghiamo inoltre lenti di qualità ottica, affinché le immagini siano non soltanto belle, ma anche nitide e luminose.  

NOTA: Le immagini caleidoscopiche presenti su questo sito hanno lo scopo di rappresentare ciò che si vede all’interno dei nostri caleidoscopi. Ma esse rimarranno sempre molto distanti dalla magìa dell’immagine sfuggente e dalle infinite variazioni della vera veduta caleidoscopica. L’intima meraviglia di chi osserva è di ciascuno e non potrà certo essere rappresentata da una foto!